Bagno Vignoni, il borgo in provincia di Siena, nella splendida Val D’Orcia, con la piazza d'acqua…per rilassarsi e godere dei benefici delle sue calde acque termali.

Bagno Vignoni è un piccolo e straordinario borgo nel cuore della Val d’Orcia, un’affascinante zona di campagna tra cipressi e verdi colline: sebbene si tratti di una piccola frazione del Comune di San Quirico d'Orcia, il borgo offre momenti di benessere ed itinerari di grande impatto visivo.

Questo borgo deve la sua fama alla piazza d’acqua, alimentata da una sorgente, un luogo magico le cui origini mettono radici nei meandri della storia.

Bagno Vignoni è infatti davvero unica: in nessun'altra località in Italia possiamo trovare la “Piazza delle Sorgenti”, una piscina rettangolare, ubicata nella piazza centrale, piena di acqua termale calda: lunga 49 metri ed ampia 29, questa piazza di epoca rinascimentale è stata costruita esattamente sopra la fonte originale di acqua termale, la stessa di cui usufruivano anche i Romani.

L’acqua che sgorga dalla fonte a 1000 metri di profondità, risale in superficie e viene raccolta nella piazza del paese. La temperatura dell’acqua, fissa a 52° gradi, crea straordinari effetti scenografici soprattutto d’inverno, quando entra in contatto con l’aria fredda. E poi tutto intorno, case in pietra, balconi fioriti, piazzette, botteghe di artisti e artigiani, creano uno straordinario insieme architettonico che rende Bagno Vignoni uno dei borghi più belli del mondo. 

L’acqua che della piazza viene incanalata in viottoli che percorrono l’intera città, creano fiumiciattoli di acqua fumante disegnando sinuosi sentieri nei quali è possibile immergere mani e piedi per provare l’esperienza dell’inebriante giovamento dell’acqua termale. I ruscelletti concludono la loro strada sulla rupe su cui è poggiata Bagno Vignoni, cascando verso la parte bassa della città e finendo in un’altra vasca, all’interno della quale è possibile fare il bagno. In passato, questo naturale dislivello della zona, veniva sfruttato per attivare i mulini presenti nella zona, il Parco Naturale dei Mulini.

Le fonti termali di Bagno Vignoni sono sfruttate da più di due millenni: come testimoniato i reperti archeologici rinvenuti, già i Romani e gli Etruschi beneficiavano delle virtù terapeutiche di queste acque. Sin dal IX secolo, sia queste terme che quelle di Bagni San Filippo, situate un po’ più a sud, ai piedi del Monte Amiata, sono state menzionate nei vecchi diari di viaggio di abati ed altri che intraprendevano il loro pellegrinaggio verso Roma (e molti persino verso Gerusalemme).

Bagno Vignoni si trova, infatti, a pochi minuti di distanza dalla Via Francigena, una delle più importanti strade percorse dai pellegrini che, dall'Inghilterra, partivano per raggiungere Roma e la Terra Santa.

L’antica storia delle terme di Bagno Vignoni è testimoniata dagli illustri ospiti che l’hanno amata. Prima di tutti, Lorenzo de Medici, “Il Magnifico”, uomo di grande cultura umanistica e abilità politica, che gli permise di governare Firenze accrescendo sempre più il prestigio e la forza della sua città. Era solito ritirarsi alle terme di Bagno Vignoni per curarsi e studiare, abbracciato dalle verdi colline che tanto amava.

Un’altra illustre personalità del passato amava ritirarsi alle terme di Bagno Vignoni: Santa Caterina da Siena che molto spesso, si recava in questi posti per raccogliersi in preghiera solitaria. Il loggiato costruito sulla vasca fu dedicato proprio a lei, come testimonianza del legame della Santa con questo luogo.

Pronti ad immergervi con noi in queste calde e benefiche acque termali, godendo di uno scenario unico al mondo? Scoprite la nostra programmazione…

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO